Venduto
Cane Bassotto in Porcellana Royal Copenhagen
250,00
Bassotto in porcellana policroma dipinta a mano della manifattura danese Royal Copenhagen. La figura è stata disegnata  dall’artista Lauritz Jensen durante la sua attività presso la Royal Copenhagen dal 1906 al 1916 ed è contrassegnata dal numero 856.  Il marchio sul fondo  la colloca nella produzione degli anni 1969 / 1974. Lo stato di conservazione è eccellente e questa tenera figura di bassotto seduto,  con la lingua fuori, si presenta perfetta.

Nel 1775 nasce la Reale Fabbrica di Porcellane di Copenhagen, sotto la protezione della Famiglia Reale di Danimarca che gestirà la manifattura per oltre un secolo.La manifattura sceglie come marchio di fabbrica tre linee d’onda che simboleggiano i tre canali di Danimarca. L’Esposizione Mondiale parigina del 1889 consacra le porcellane danesi , caratterizzate dall’intensivo uso del blu cobalto, al successo internazionale.

La produzione artistica danese è contraddistinta da una tecnica di presmaltatura,  nota come underglaze,  l’applicazione dello smalto prima della cottura e non dopo,  saltando quindi il passaggio della seconda cottura a 1400. In questa particolare applicazione della tecnica, lo smalto viene steso in strati leggeri successivi, in modo molto simile a quanto avviene nell’acquerello. Il colore acquista quindi sfumature tenui e pattern particolari.

Periodo: 1900

Altezza: 19 cm

Larghezza: 15 cm

Profondità: 12 cm

Venduto

SKU: 3496 Category:
spedizione gratuita in tutta italia
CONSEGNA IN 72 ORE!

Grazie agli accordi stipulati con le più importanti società di trasporti siamo in grado di consegnare entro 72 ore dall’ordine in tutta Italia!

MERCE ASSICURATA

Ogni spedizione è tracciabile ed assicurata per l’intero valore!

MASSIMA CURA DELL'IMBALLAGGIO

L’attenzione e la cura negli imballi ci consentono da sempre di far viaggiare la merce acquistata con la massima tranquillità e sicurezza

CERTIFICATO DI AUTENTICITÀ

All’interno di ogni collo troverete i documenti fiscali ed il certificato di autenticità dell’oggetto.